Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Terapia dolore: al via la nuova giornata del sollievo

27 Mag 2013

Terapia dolore: al via la nuova giornata del sollievo

Al via il prossimo 26 maggio la Giornata del Sollievo 2013, lanciata nel 2001 dall’allora ministro Veronesi e organizzata insieme alle Regioni italiane

In programma domenica 26 maggio, la Giornata del Sollievo vedrà almeno 135 manifestazioni in tutte Italia (convegni, spettacoli in luoghi di cura, questionari di rilevazione del dolore e del sollievo) promosse da Regioni, strutture sanitarie ed associazioni di volontariato.

E al Policlinico Gemelli di Roma, oltre ad artisti e personaggi dello spettacolo che “regaleranno – spiega la Fondazione – momenti di sollievo alle persone sofferenti” saranno premiati i vincitori della settima edizione del concorso “Un ospedale con più sollievo” rivolto a tutti gli studenti, dalla scuola primaria all’università, che ha l’obiettivo di sensibilizzare anche i più piccoli alla scoperta e all’accettazione del malato, dell’anziano e in genere delle persone in condizione di fragilità e sofferenza. Un impegno, quello di celebrare una Giornata non contro la sofferenza o il dolore, ma a favore dell’affrancamento della sofferenza eccessiva ed inutile, “lanciato nel 2001 dalla Fondazione all’allora ministro della Sanità, Umberto Veronesi – spiega Bruno Vespa, presidente della Fondazione Ghirotti – il quale la tradusse in direttiva, trovando pieno sostegno e promozione” dalle Regioni.

Sulla situazione a macchia di leopardo che caratterizza l’assistenza domiciliare italiana, ha ribadito Lorenzin “bisogna attivare urgentemente linee di monitoraggio e capire perché alcune regioni sono indietro, che tipo di problemi hanno incontrato e provare a risolverli insieme”