Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Fuoco di Sant’ Antonio : strategie di trattamento

12 Feb 2013

Fuoco di Sant’ Antonio : strategie di trattamento

Il fuoco di Sant’ Antonio o ” Herpes zoster”  è poco frequente nei bambini e in genere non si accompagna a dolore. Negli adulti invece, man
mano che si invecchia, la malattia tende a essere più frequente e grave. Il primo sintomo, e anche il più
insidioso, è il dolore neuropatico avvertito come una puntura, una pugnalata nell’area innervata da un nervo
sensitivo, solo da un lato del corpo. In genere il dolore è intermittente. Non esiste una posizione che aiuti a
sopportare meglio il dolore. Questo sintomo può essere accompagnato da bruciore, prurito, ipersensibilità,
formicolii e pizzicore. Nella maggior parte dei casi, dopo 24-48 ore, compaiono sulla pelle arrossamento e
vescicole, che si presentano in gettate successive ed evolvono in croste. Toccando queste lesioni l’infezione
può trasmettersi e provocare, in soggetti che non sono mai venuti a contatto col virus, la varicella».
Il virus si combatte con farmaci antivirali, in genere sempre raccomandati sopra i 50 anni. Per accorciare la durata complessiva delle
manifestazioni è importante iniziare questo trattamento il più presto possibile. Una terapia precoce sembra
anche ridurre il rischio di sviluppare la complicanza più temibile, cioè la nevralgia posterpetica che si verifica nel 10-20% dei casi ed è più comune man mano che si invecchia, è caratterizzata dalla
persistenza di dolore neuropatico a distanza di settimane, mesi o anni dalla scomparsa delle lesioni cutanee
dell’Herpes zoster». Per controllare il dolore nella fase acuta si ricorre a farmaci analgesici, utilizzati regolarmente e non “al bisogno”, con una
strategia a scalini che, partendo dagli antiinfiammatori arrivi agli analgesici oppiacei e combini progressivamente più farmaci in caso di mancata risposta.

Corriere della Sera 10 Feb 2013