Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Dolore severo da Parkinson: buoni risultati con l’associazione ossicodone/naloxone

27 Lug 2015

Dolore severo da Parkinson: buoni risultati con l’associazione ossicodone/naloxone

I pazienti con malattia di Parkinson, che soffrono di dolore severo, possono trarre beneficio dall’impiego dell’associazione ossicodone/naloxone ( OXN ). Questo è quanto emerge da uno studio condotto da ricercatori del King’s College di Londra, presentato nei giorni scorsi a Berlino, in occasione dell’European Academy of Neurology. Nel Parkinson il tipo di dolore riferito più di frequente è quello a carico dell’apparato muscolo-scheletrico, come crampi muscolari. I crampi, in particolare, compaiono nei pazienti che sono affetti da rigidità notturna. Di notte, infatti, diversamente da quanto avviene di giorno, la terapia farmacologica è ridotta, diminuiscono i livelli di dopamina nel plasma e nel tessuto cerebrale con conseguente minor controllo della sintomatologia. Nello studio presentato a Berlino, durante le 16 settimane di trattamento, i pazienti che hanno assunto OXN  hanno avuto meno dolore rispetto ai soggetti trattati con placebo. Solo 3 dei 93 pazienti trattati con OXN  sono usciti dallo studio a causa della mancanza di efficacia, rispetto ai 14 dei 109 pazienti trattati con placebo.Dopo la fase in doppio cieco, 64 pazienti del gruppo OXN  e 87 del gruppo placebo sono entrati in una fase in aperto dello studio durante la quale tutti hanno ricevuto OXN .Tutte le forme di dolore riferito sono migliorate, ma il più grande miglioramento è stato visto nel dolore notturno e anche nel dolore muscolo-scheletrico. Quest’ultimo è stato anche la forma più comune di dolore, che si verificata in circa tre quarti dei pazienti.

I ricercatori hanno, comunque, definito il loro studio come un trial pilota che necessita di ulteriori ricerche. Ricerche che hanno già affrontato anche degli Italiani di cui vi dirò in futuro.

Fonte: http://www.pharmastar.it/index.html?cat=23&id=18905