Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Cure Palliative : il punto di vista del Papa

20 Mar 2015

Cure Palliative : il punto di vista del Papa

Papa: rispetto e cura per chi potrebbe essere ‘fatto morire’

(ANSA) – CITTA’ DEL VATICANO, 5 MAR – “Avere estremo rispetto e prendersi cura di chi, per la sua condizione fisica o sociale, potrebbe essere lasciato morire o ‘fatto morire'”. Lo raccomanda il Papa alla Pontificia accademia per la vita, riunita sul tema “L’assistenza agli anziani e le cure palliative”. Il Pontefice incoraggia “i professionisti e gli studenti a specializzarsi in questo tipo di assistenza che – dice – non possiede meno valore per il fatto che ‘non salva la vita’” e che non serve solo ai malati terminali ma anche agli anziani.(ANSA).

Papa: cure palliative per alleviare sofferenza anziani

(ANSA) – CITTA’ DEL VATICANO, 5 MAR – “Le cure palliative – ha detto il Papa alla Pontificia accademia per la vita – finora sono state un prezioso accompagnamento per i malati oncologici, ma oggi sono molte e variegate le malattie, spesso legate all’anzianità, caratterizzate da un deperimento cronico e progressivo e che possono avvalersi di questo tipo di assistenza”. “Apprezzo pertanto – ha detto papa Bergoglio – il vostro impegno scientifico e culturale per assicurare che le cure palliative possano giungere a tutti coloro che ne hanno bisogno. Incoraggio i professionisti e gli studenti a specializzarsi in questo tipo di assistenza che non possiede meno valore per il fatto che ‘non salva la vita’. Le cure palliative realizzano qualcosa di altrettanto importante: valorizzano la persona. Esorto tutti coloro che, a diverso titolo, sono impegnati nel campo delle cure palliative, a praticare questo impegno conservando integro lo spirito di servizio e ricordando che ogni conoscenza medica è davvero scienza, nel suo significato più nobile, solo se si pone come ausilio in vista del bene dell’uomo, un bene che non si raggiunge mai ‘contro’ la sua vita e la sua dignità”. Il Papa ha tenuto il suo discorso dopo il saluto del presidente della Pontificia accademia per la vita, mons. Ignacio Carrasco de Paula. “Mi piace salutare specialmente – ha detto il Papa all’inizio del suo discorso – il cardinale Sgreccia, che è un pioniere”. (ANSA).