Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Ripetere la radioterapia aiuta a lenire il dolore da metastasi ossee

21 Gen 2014

Ripetere la radioterapia aiuta a lenire il dolore da metastasi ossee

Secondo un recente studio, il dolore da metastasi ossee potrebbe esser lenito da una seconda seduta di radioterapia condotta a scopo palliativo.

I pazienti che soffrono di dolore da metastasi ossee – stando ai risultati di uno studio pubblicato recentemente dalla rivista Lancet Oncology – potrebbero trarre beneficio da una seconda seduta di radioterapia condotta a scopo palliativo.

Quando un cancro si diffonde, le cellule tumorali in crescita possono aggredire il tessuto osseo limitrofo. Tale danno può portare a una serie di gravi complicanze. A ciò si aggiunge un’intensa sintomatologia dolorosa, spesso altamente invalidante.

È già noto come la radioterapia possa essere efficace nel contrastare il dolore causato dalle metastasi ossee e come lo sia anche la sua ripetizione, in caso di insuccesso al primo trattamento. Tuttavia, fanno notare i ricercatori autori dello studio, non era ancora chiaro quali fossero le dosi di radiazioni e il numero di sedute ottimali per tale ripetizione. A questo scopo, sono stati presi in esame due gruppi di pazienti: il primo che ha ricevuto 8 Gy di radiazioni in una sola volta, il secondo 20 Gy suddivise in 5-8 sedute.

Circa la metà dei componenti di entrambi i gruppi hanno riportato un dolore minore, a seguito del trattamento ricevuto. Per quanto riguarda gli eventi avversi più frequenti, valutati a 14 giorni, i due gruppi hanno fatto registrare: perdita dell’appetito (56% per il gruppo 8 Gy e 66% per il gruppo 20 Gy) e diarrea (23% vs 31% rispettivamente). Pertanto, il trattamento con 8 Gy in una sola seduta appare essere di efficacia non inferiore e meno tossico rispetto a quello con 20 Gy in più sedute.

Anche se lo studio è stato ostacolato dal fatto che, per un terzo dei pazienti, non sia stato possibile valutare i dati, a causa della limitata aspettativa di vita, i risultati ottenuti rivestono comunque grande importanza. La radioterapia può essere molto efficace nel lenire il dolore da metastasi ossee. Per i pazienti che non hanno risposto positivamente al primo trattamento, è sempre stato problematico stabilire se fare un secondo tentativo e quante sedute prevedere. I risultati dello studio mostrano come una seconda seduta possa effettivamente produrre un buon esito in molti casi.

Fonte: LancetCure Today