Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Paracetamolo in gravidanza: può danneggiare la fertilità dei feti maschi

8 Lug 2015

Paracetamolo in gravidanza: può danneggiare la fertilità dei feti maschi

Le donne incinte che assumono il popolare antidolorifico potrebbero mettere a repentaglio la salute del feto, se è maschio, aumentando il rischio che in futuro possa sviluppare malattie come l’infertilità o il cancro. Questo è quanto emerge da una ricerca dell’Università di Edimburgo, pubblicata di recente su Science Translational Medicine.

L’analgesico tra i più venduti in Italia è da sempre considerato economico e sicuro. Ma diversi studi lo mettono sotto accusa, come quest’ultimo che parla di possibile infertilità per i feti maschi se le mamme ne abusano in gravidanza. 

Gli studiosi hanno testato l’effetto del paracetamolo sulla produzione di testosterone in alcuni topi che portavano innesti di tessuto testicolare umano. Questi innesti mimavano la crescita dei testicoli in via di sviluppo in gravidanza e la loro funzione. Ai topi è stata somministrata una dose giornaliera tipica di paracetamolo, nell’ambito delle 24 ore e per un periodo di sette giorni, poi i ricercatori hanno misurato la quantità di testosterone prodotta dal tessuto umano un’ora dopo l’ultima dose di paracetamolo. Se dopo 24 ore di trattamento i ricercatori non hanno trovato alcun effetto sulla produzione di testosterone, dopo sette giorni di assunzione di paracetamolo la quantità di testosterone si è ridotta del 45 per cento.

Questo studio, hanno sottolineato i ricercatori di Edimburgo, si aggiunge alle prove esistenti sul fatto che l’uso prolungato di paracetamolo in gravidanza può aumentare il rischio di disordini riproduttivi nei neonati maschi. Per questo il consiglio alle donne incinte è quello di seguire le attuali raccomandazioni secondo cui l’antidolorifico deve essere preso alla più bassa dose efficace per il più breve tempo possibile.

 

Fonte: http://www.corriere.it/salute/pediatria/15_maggio_25/paracetamolo-gravidanza-veri-rischi-feti-maschi-b6f13b60-02dc-11e5-955a-8a75cacacc9d.shtml