Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Farmaci oppioidi e capacità di guida: disponibile la nuova App SafeDrive

17 Gen 2014

Farmaci oppioidi e capacità di guida: disponibile la nuova App SafeDrive

A sviluppare l’App “SafeDrive”, l’innovativo software per dispositivi mobili, è stata la Clinica di Anestesia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine, nella persona del dottor Luca Miceli, socio dell’Associazione Italiana per lo Studio del Dolore (AISD). L’applicazione, disponibile gratuitamente sulla piattaforma Applestore®, Android® per smartphone e tablet su Google Play, permette di misurare attraverso l’esecuzione di alcuni test, i riflessi visivi e uditivi, semplici e complessi di chi vi si sottopone, in conformità a quanto richiesto dal Codice della Strada nei suoi articoli 187 e 119.

 

Pur non avendo ancora un valore probatorio, l’app costituisce un valido ausilio per tutti quei pazienti in terapia con farmaci psicotropi (benzodiazepine, neurolettici, farmaci del sistema nervoso, antiistaminici, oppiacei, etc.) che vogliono mettere alla prova la propria capacità di guida di autoveicoli, con lo scopo di incrementare la sicurezza loro e degli altri, sulla strada e non solo. Tale software, già oggetto di due tesi di laurea in Medicina e Chirurgia, è attualmente al vaglio della comunità scientifica nazionale e internazionale.

 

Si tratta di un’importante novità che si collega alla tanto dibattuta questione della guida durante l’assunzione di particolari tipologie di farmaci. Oggi sono sicuramente pochi i cittadini italiani che possono rinunciare all’uso dell’automobile per svolgere le normali attività della vita quotidiana. Molti di loro fanno uso di medicinali, anche di tipo psicoattivo. Questi ultimi hanno un’influenza sullo stato psico-fisico del conducente e possono ridurre attenzione, limitare le funzioni psicomotorie e infine diminuirne la capacità di guida.

 

Avere a disposizione un’applicazione, consultabile ovunque e in qualsiasi momento, anche sul proprio smartphone, in gradi di fornire indicazioni di massima sulla prontezza dei propri riflessi, rappresenta certamente un utile strumento al servizio dei pazienti automobilisti.

 

Fonte: AISD