Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Dolore : Gli antinfiammatori aumentano il rischio di sanguinamento nei pazienti infartuati in terapia antitrombotica

24 Mar 2015

Dolore : Gli antinfiammatori aumentano il rischio di sanguinamento nei pazienti infartuati in terapia antitrombotica

Nei pazienti sottoposti a terapia antitrombotica dopo infarto del miocardio (IM) l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) risulta associato a un aumento del rischio di sanguinamento e di eventi trombotici, anche dopo un trattamento a breve termine (0-3 giorni). Questo l’esito di una ricerca danese pubblicata su JAMA. Malgrado le linee guida scoraggino l’uso d FANS in pazienti con malattie cardiovascolari, nella sola Danimarca, in un periodo di 13 anni, fino al 44% dei malati con storia di IM è stato esposto a questi  farmaci. I ricercatori danesi hanno esaminato il rischio di eventi acuti tra i pazienti con pregresso infarto miocardico, usando i dati dei registri nazionali danesi, tra il 2002 e il 2011, relativi a 61.971 soggetti di età media 68 anni, in cura con farmaci antitrombotici; di questi, il 34% aveva ricevuto almeno una  prescrizione di FANS.L’analisi dei dati ha mostrato che l’utilizzo degli antinfiammatori in questi pazienti raddoppia il rischio di sanguinamento e aumenta quello cardiovascolare, indipendentemente dal trattamento antitrombotico in corso, dal tipo di FANS utilizzato o dalla durata della sua assunzione. Pur essendo necessarie ulteriori ricerche di conferma, questi risultati sono da considerarsi di notevole rilievo per la salute pubblica, essendo gli antinfiammatori non steroidi tra i farmaci più frequentemente usati al mondo.I ricercatori hanno sottolineato, inoltre, che lo studio ha monitorato solo i FANS assunti mediante prescrizione e che l’impatto di tali evidenze potrebbe essere maggiore nei Paesi dove questi medicinali sono ampiamente disponibili per l’automedicazione.

 

Fonte: http://www.doctor33.it/fans-aumentano-rischio-di-sanguinamento-negli-infartuati-in-terapia-antitrombotica/clinica/news–27576.html