Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Dolore curato con Tramadolo: attenzione al possibile rischio di ipoglicemia

15 Gen 2015

Dolore curato con Tramadolo: attenzione al possibile rischio di ipoglicemia

Uno studio apparso su JAMA ha evidenziato un significativo aumento del rischio di ospedalizzazione per ipoglicemia (+52%) nei pazienti in cura con tramadolo, rispetto a quelli trattati con un altro oppioide debole, la codeina.
L’ipoglicemia è un evento clinico serio, associato a tassi di mortalità elevati nei soggetti diabetici. Inoltre, se prolungata, può causare la morte cerebrale, così come aritmia cardiaca fatale.
Lo studio caso-controllo è stato condotto tra aprile 1998 e marzo 2012 su un totale di 334.034 pazienti con dolore non oncologico, di cui 28.110 nuovi utilizzatori di tramadolo e 305.924 di codeina. Durante il periodo di indagine, l’uso del tramadolo è aumentato di più di otto volte, passando da 25.334 prescrizioni nel 1999 a 215.709 nel 2011.
Nel follow up di 5 anni sono stati registrati un totale di 1105 casi di ospedalizzazione per ipoglicemia, di cui 112 (10,1%) fatali.
I dati mostrano che l’utilizzo del tramadolo, rispetto a quello della codeina, aumenta il rischio di ospedalizzazione per ipoglicemia, rischio che può diventare quasi doppio nei primi 30 giorni di trattamento.
Gli autori osservano che, per quanto rara, l’ipoglicemia indotta da tramadolo è un evento avverso potenzialmente fatale. I medici dovrebbero pertanto rimanere vigili su questa potenziale complicanza, nei pazienti che utilizzano il farmaco come prescritto, così come in coloro che ne abusano. Nel commento che accompagna lo studio, gli autori aggiungono anche che l’ipoglicemia è meno comune nei pazienti che assumono oppioidi forti come morfina, ossicodone, idrocodone.Un ‘ altra testimonianza del fatto che passare ad oppioidi forti a bassi dosaggi sarebbe più conveniente per i pazienti
Il significato clinico di queste nuove scoperte richiede comunque ulteriori indagini, dato il crescente impiego di tramadolo nella popolazione generale.

fonte Jama http://archinte.jamanetwork.com/article.aspx?
articleID=1984249&utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter&utm_campaign=feed_post