Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Dolore cronico e appropriatezza prescrittiva: AIFA plaude al progetto “CardioPain in Roccadaspide

11 Ott 2013

Dolore cronico e appropriatezza prescrittiva: AIFA plaude al progetto “CardioPain in Roccadaspide

Quando si parla di FANS e trattamento del dolore cronico, le parole d’obbligo sono “attenzione all’abuso”.

Una pratica tutta italiana, tanto da porci tra i primi Paesi al mondo per l’impiego di questi farmaci. Tuttavia, i segnali di un’inversione di tendenza non mancano. Come dimostra il Presidio Ospedaliero di Roccadaspide, afferente all’ASL di Salerno, che in questi giorni ha dato il via al pionieristico progetto “CardioPain in Roccadaspide…l’isola che c’è”. Le Unità Operative di Cardiologia, Chirurgia, Lungodegenza Riabilitativa, Medicina e Ortopedia inseriranno un esplicito monito circa l’uso di FANS e di inibitori selettivi della COX-2 sulla scheda di dimissione ospedaliera (SdO) dei pazienti cardiopatici con dolore cronico, nel momento in cui questi ultimi, lasciando l’ospedale, tornano in carico al medico di famiglia.

Obiettivo fondamentale del progetto è la riduzione dell’uso improprio di antinfiammatori, così come stabilito dalla nota 66 di AIFA, secondo cui FANS e COXIB sono controindicati nei pazienti interessati da patologie cardiovascolari.Il consumo di questi farmaci si mantiene ancora elevato nel nostro Paese: quasi il 4% dei soggetti a rischio cardiovascolare fa un uso improprio di FANS, assumendoli per oltre 90 giorni all’anno. In Campania tale percentuale è anche più elevata, arrivando a superare il 5%, valore su cui si attestano tutte le altre Regioni del Sud.

Il progetto ha una valenza così innovativa da aver suscitato persino l’apprezzamento della stessa Agenzia Italiana del Farmaco, che definisce la decisione dell’Ospedale salernitano “un meritevole esempio di quella collaborazione fattiva tra Medici prescrittori e Autorità regolatoria da sempre auspicata dall’Agenzia”. Questo per garantire un uso sempre più corretto e adeguato dei medicinali, anche alla luce dei fenomeni di abuso emersi dal Rapporto AIFA 2012 sull’uso dei farmaci in Italia, soprattutto in un settore terapeutico delicato come quello della terapia del dolore cronico. L’appropriatezza prescrittiva è un obiettivo fondamentale di salute pubblica e uno strumento di razionalizzazione della spesa farmaceutica.

FONTI: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/aifa-plaude-iniziativa-ospedale-salernitano-su-appropriatezza