Biosimilari: medici e pazienti poco informati Troppe differenze regionali e qualche timore costi. - Terapia del Dolore e Dolore Cronico
Chiudi

Che cos'è il dolore

Il dolore fisico è dolore dell'anima: l'evoluzione del concetto di dolore ai giorni nostri.
Ascolta la lettura.

Marco Filippini

LA MIA ESPERIENZA
A DIFESA DEL MALATO.

Un sito per contribuire con informazioni, lavori clinici aggiornati, interviste a leader di opinione e le ricerche più recenti al raggiungimento degli standard medi europei in fatto di terapia del dolore, dolore cronico e cure palliative.



Lettura Dolore

Biosimilari: medici e pazienti poco informati Troppe differenze regionali e qualche timore costi.

19 Ott 2015

Biosimilari: medici e pazienti poco informati  Troppe differenze regionali e qualche timore costi.

Poco informati, troppe differenze regionali e il
timore della perdita di autonomia prescrittiva
del medico e per la continuità terapeutica. E’
quello che pensano i camici bianchi e i pazienti
rispetto ai biosimilari in Itala. E’ quanto è emerso
dal sondaggio realizzato da ‘Quotidiano Sanità’
che ha coinvolto 30 società scientifiche e
associazioni dei pazienti sul tema: ‘Biosimilari:
una scelta informata’. Il 93% dei pazienti e il
59% delle società scientifiche ritiene “carente
l’informazione offerta su questi farmaci”.
Del
resto, per il 93% dei pazienti e il 36% delle società
scientifiche neanche l’evidenze di efficacia
e sicurezza sono una priorità per le istituzioni,
che “pensano solo al risparmio”. “Un’altra questione
sollevata oggi dall’indagine – ha spiegato
il ministro della Salute Beatrice Lorenzin nel
suo messaggio inviato agli organizzatori – è
quella della difformità di regole e provvedimenti
in sede locale che possono causare differenze
nelle modalità di accesso ai farmaci biotecnologici
e alla loro prescrizione da parte del
medico.
C’è l’impegno del ministero della Salute
per il superamento di queste difficoltà”.
Più dell’80% delle società scientifiche ritiene
utile ai fini informativi che il farmaco sia identificato
come biosimilare ed è favorevole ad includere
informazioni in scheda tecnica sull’iter
specifico seguito dallo stesso. Il 100% delle associazioni
dei pazienti è d’accordo
nell’individuare il farmaco come biosimilare
all’interno del foglietto illustrativo. Per quanto
riguarda la farmacovigilanza il 64% delle società
scientifiche e il 55% delle associazioni dei
pazienti rilevano un generale buon funzionamento
della rete di segnalazione, che però necessiterebbe
di una maggiore accessibilità e una
migliore pubblicizzazione dei risultati.
AdnKronos Salute 16 Ottobre 2015